Ennesimo bando DISCOTECA Acque Minerali, targato PD, risolto male

Non ci piace fare quelli che di nuovo dicono “Avevamo ragione!” ma purtroppo anche questa volta… avevamo ragione.

Avevamo ragione quando dicevamo che l’amministrazione si stava muovendo con troppo ritardo per presentare il bando di gestione delle Acque Minerali, e infatti si è arrivati lunghissimi.
Avevamo ragione quando criticavamo il primo bando emesso per la gestione perchè insostenibile, e infatti è finita con un nulla di fatto.
Avevamo ancora ragione quando dicevamo che da un bando messo su in pochi giorni in fretta e furia e fuori tempo massimo per qualsiasi gestore professionale avremmo avuto un risultato pessimo, e infatti così è stato.
Dopo un accesso agli atti abbiamo verificato come la società che ha vinto il bando di gestione della discoteca alla fine non ha pagato neppure 1 euro al Comune, restituendo le chiavi a fine stagioni con uno “scusate ma non è andata…” , a questo punto il Comune dovrà procedere con una causa legale per avere i soldi come previsti da bando?  Causa che si protrarrà per anni, e che, se tutto va come al solito produrrà un nulla di fatto.
Un’altra causa, a spese dei cittadini, per una gestione dissennata del patrimonio comunale da parte di questa amministrazione, nonostante gli avvisi ripetuti da parte del MoVimento 5 Stelle in consiglio comunale.
Cittadini che si trovano così un mancato incasso da parte del Comune, una spesa ulteriore per gli avvocati, e hanno avuto pure un’estate quasi priva di eventi nella storica discoteca imolese.
Peggio di così non si poteva fare.
Come M5S abbiamo depositato una proposta che prevede la creazione  di 2 bandi differenti; uno dedicato alla Discoteca Acque Minerali  e uno indirizzato esclusivamente all’ex Vivavio-Casa del Custode, lasciato in totale stato di abbandono ormai da diversi anni.
Movimento 5 Stelle Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *