FORMULA IMOLA CI DENUNCI TUTTI PER RICHIESTA DI TRASPARENZA

Minacciare i consiglieri di opposizione, accusandoli di aver informato la stampa in merito al contratto sottoscritto da una società partecipata del Comune di Imola, è un chiaro segnale di debolezza e di paura nel rendere pubblici documenti di interesse collettivo. Una violenza che prima ancora di entrare nel merito della situazione, ferisce perché vuole colpire un’iniziativa di informazione su un bene di proprietà pubblica. L’iniziativa politica al centro della reazione di Uberto Selvatico Estense non è nostra, tuttavia ci schieriamo al fianco di tutti i consiglieri e diciamo:”denunciate anche noi per richiesta di trasparenza”.
Fino a quando Formula Imola e le altre società partecipate dal Comune saranno soggette a questa forma di “Segreto di Stato”, il Gruppo Consiliare del Movimento 5 Stelle Imola continuerà a informare i cittadini su quello che accade in queste poco trasparenti società partecipate locali, dove i fondi messi a disposizione arrivano direttamente dalle tasche dei cittadini.
Esistono certamente in ambito amministrativo informazioni la cui tutela è nel puro interesse pubblico.
A Imola però si esagera, guardare dentro le tante partecipazioni è visto come un’intrusione in area privata. E così si è comportata Formula Imola, minacciando denunce attraverso il suo presidente, allo scopo di intimorire ogni intento di trasparenza da parte di un consigliere comunale, rappresentante pubblico eletto dai cittadini.
Chiediamo al Vice presidente del Consiglio comunale, eletto grazie ai voti dei gruppi di opposizione, un atto di onestà, facendosi anche lui portavoce di questa iniziativa. Stesso intervento chiediamo al capogruppo del Partito democratico Marcello Tarozzi che non può certo sostenere l’atteggiamento del presidente di Formula Imola. Quello che è capitato all’opposizione oggi, può capitare a qualunque altra forza di minoranza in futuro. E questi, caro Tarozzi e Pd, sono metodi di intimidazione.
Come Movimento 5 Stelle Imola abbiamo depositato una richiesta di comunicazione in aula, come previsto dall’art.61 comma 5 del Regolamento del Consiglio Comunale, per il Consiglio Comunale di giovedì 19 gennaio. Questa vergogna non deve passare sotto silenzio.
Movimento 5 Stelle Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *