IL PARCO DIMENTICATO

Siamo in marzo e anche quest’anno l’Amministrazione Comunale si sta “dimenticando” di produrre un bando per la gestione del bar Acque Minerali, all’interno dello storico parco Imolese. Non c’era alcun dubbio che il parco fosse in fondo alla classifica dei pensieri di questa Amministrazione, la storia degli ultimi anni è purtroppo piena di testimonianze di incapacità.
Si iniziò nel 2010 producendo un bando per stessa ammissione dell’assessore “insostenibile” per il gestore, che oltre alla gestione del bar comprendeva anche la manutenzione ordinaria del parco: il Comune si sgravava di un impegno e il gestore assumeva l’impegno di mantenere il parco; risultato? Contratto insostenibile, manutenzione del parco insufficiente per anni e marcia indietro dell’amministrazione, riprendendo la manutenzione del parco. Qualche anno dopo una piccola frana si staccò dal monte Castellaccio e rese inagibile lo storico sentiero che dall’ex bambinopoli sale sul monte. Sono passati anni e non solo la situazione è rimasta la medesima, ma non è mai neanche stato presentato un piano per sistemare la zona franata, continuando a lasciarla in balia degli eventi atmosferici. Intanto si chiudevano altri sentieri e le staccionate continuano a crollare nell’incuria generale.
Dal 2014 poi è iniziato il contenzioso con il vecchio gestore, che non è finito in tribunale solo perché l’amministrazione ha “patteggiato” con i danari pubblici, un rimborso di oltre 400.000 euro, queste almeno sono le cifre dichiarate, pur di evitare una causa milionaria.
Terminato il capitolo con il vecchio gestore, alla fine del 2015, su ogni testata giornalistica si leggeva: “Parco Acque Minerali, si cambia musica, nuovo bando pronto in un mese”. Beh, di mesi ne sono passati 18 ad oggi, ma il record si può ancora migliorare.
Nel 2016 l’Amministrazione dimostra ancora la sua incapacità di produrre un bando per gestire il locale estivo più importante della città ed affida d’urgenza, al limite della legalità e soprattutto del buon senso, la gestione della discoteca, promettendo che entro fine anno, 2016, avremmo avuto il nuovo gestore per i prossimi anni. Siamo ad oggi e il bando ancora non c’è e non vi sono più i tempi tecnici per farlo. Quello che c’è, è la conferma che il parco più importante della città viene regolarmente dimenticato da questa Amministrazione.
Ma del resto cosa ci si può aspettare da chi vuole classificare il parco acusticamente zona semi industriale? Niente di buono.
Movimento 5 Stelle Imola

P.S.

Il Movimento 5 Stelle sta compiendo grandi imprese, purtroppo molti cittadini non sanno e non conoscono ancora molte splendide verità legate al Movimento 5 Stelle. È ora di dirvi tutto ed in fretta, non possiamo più aspettare.
Faremo quindi un incontro con tutti i cittadini imolesi e il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio sabato 4 marzo presso l’hotel Molino Rosso dalle ore18.30

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *