La TARI preelettorale

Oggi in consiglio comunale voteremo al nuova TARI 2017, quella che ha fatto dire all’assessore De Marco nella commissione di martedì scorso che rispetto al 2016.per fortuna non crescerà.
Il merito sarebbe da attribuire ad una amministrazione eroica che lottando con le unghie e con i denti è riuscita a spostare al 2018 un aumento di costo di ben 270 mila euro richiesto dal gestore per la nuova raccolta a base di cassonetti intelligenti, il sistema che secondo i piddini al governo sarebbe il più economico esistente nell’intero universo conosciuto e forse oltre.
A questo si aggiunge poi il racconto che a Imola paghiamo poco perchè c’abbiamo la discarica e perchè chi ci gestisce la raccolta dei rifiuti lo fa con un contratto scaduto da oltre 2 anni e che quando verrà ridiscusso sicuramente ci costerà di più, e per l’amor del cielo non parliamo della raccolta porta a porta che secondo i racconti di Manca e soci sarebbe almeno il 30% più cara. Ma è così? 
Ricordando che già la legge regionale 16 del 2014 impone l’introduzione di questo sistema entro il 2020 noi pensiamo di no, e oltre a pensarlo questa volta abbiamo fatto anche il calcolo dettagliato per classi di utenti raffrontando le bollette dei privati imolesi a quelle quelle dei privati di Treviso. dove è già attivo il sistema di porta a porta con tariffazione puntale.
Il risultato è che applicando a Imola le tariffe di Treviso, città di 83.000 abitanti quindi simile alla nostra che di abitanti ne ha  70,000, i nostri concittadini invece che pagare il 30 e passa percento in più, come finora contrabbandato impunemente dall’allegra combicola che ci governa, pagherebbero il 5% in meno, senza considerare le ricadute occupazionali positive che questo sistema permette.

E questo a oggi, quando cioè la nostra amministrazione è riuscita a strappare evidentemente in chiave preelettorale il rinvio di un aumento del 3% delle tariffe, altrimenti saremmo giù ad un bel +8%.
M5S Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *