Project financing: verde pubblico in stand-by

Quando a marzo improvvisamente è apparso il project financing per il verde pubblico imolese, progetto della durata di 10 anni per un valore di 11 milioni di euro (di cui solo uno e mezzo circa di investimenti), abbiamo subito drizzato le orecchie, specie dopo che a novembre la Corte dei Conti le aveva appena tirate a Manca e soci per il precedente project financing dell’Ortignola.

In quel caso i nostri Presunti Preparati Professionisti della Politica (PPPP) si sono presi un bel cartellino giallo per aver utilizzato uno strumento che ha ragione d’essere solo se c’è un progetto che un privato si prende la briga di finanziare in toto o quasi, mentre per la piscina in oggetto il Comune ha tirato fuori la maggior parte dei soldi.

 Analizzando quello sul verde pubblico la situazione ci è parsa analoga, forse ancor più squilibrata per il fatto che l’investimento richiesto al privato in rapporto all’importo totale del bando è ancora minore. In più abbiamo rilevato la presenza di penali a carico dell’ente in caso di chiusura del contratto non quantificate chiaramente.

Per far luce su quanto sopra abbiamo richiesto una commissione ormai 2 mesi fa, nella quale il vicesindaco Visani, pure lui esimio esponente dei PPPP, non sapendo cosa rispondere (la registrazione è agli atti) è riuscito a imbastire solo una imbarazzate quanto generica difesa d’ufficio dell’operato della sua amministrazione.

Non avendo ricevuto risposta soddisfacente abbiamo quindi inviato un esposto alla Corte dei Conti, e che i nostri dubbi fossero più che fondati ne è prova il fatto che il bando in questione ormai da un mese non riesce a trovare nessuno che si azzardi a firmarlo, strano vero?

Dove sono i PPPP quando gli si chiede di mettere una semplice firmetta su una cosa che fino all’altro ieri dicevano di essere pronti a metterci addirittura una mano sul fuoco?
Nemmeno il più inesperto politico d’Italia avrebbe dato l’ok per un bando da 11 milioni di euro senza prima aver VERIFICATO che tutto fosse in regola.
Claudio Frati
Patrik Cavina
M5S Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *