Società pubbliche imolese: perché tutti questi AFFIDAMENTI DIRETTI?

Spread the love

Tutti sanno che i lavori messi a bando sotto la soglia dei 40 mila euro, limite imposto dalla legge, vanno ad assegnazione diretta senza l’obbligo di dover richiedere altri preventivi .
Controllando il sito di Area Blu ci si accorge che dal 2013 ad oggi ha emesso e liquidato ben 9 bandi sotto soglia, tutti appaltati sempre a questa società privata chiamata Segreteria Service.
Analizzando tutti i bandi della ormai defunta società pubblica BeniComuni risulta anche che dal 2013 per 3 anni la società privata Segreteria Service, grazie all’affidamento in economia, ha ottenuto la gestione del centralino mentre nel 2016 ha svolto il compito di front-office cimiteriale, affidatole senza previa pubblicazione del relativo bando.
Passando invece ad analizzare il centralino del Con.Ami ci si accorge che fino al 2005 questa funzione era svolta dalla società Hera Imola-Faenza mentre dal 2006 la Segreteria Service ha avuto incarico della gestione della segreteria e dal 2008 anche quella del portierato, il tutto messo nero su bianco dall’ex Direttore Generale Con.Ami Loris Lorenzi, il quale, vogliamo ricordarlo, si è dovuto dimettere perchè certificato inconferibile dall’ANAC a ricoprire questa posizione e non ci risulta a fronte di tutto ciò, alcuna richiesta di altri preventivi. Va ricordato che la stessa società Hera Imola-Faenza nel 2007 ha siglato con Area Blu e Segreteria Service un accordo per la gestione degli sportelli Hera nel territorio imolese
Da visure camerali risulta inoltre che questa società privata Segreteria Service abbia da poco tempo preso le quote maggioritarie della APICE (società che aveva come amministratore unico il padre dell’attuale presidente del Con.Ami, Manara) e che si è aggiudicata altri bandi elaborati dalle aziende partecipate del nostro territorio sempre con il metodo dell’affidamento diretto senza confrontare e quindi valutare altri preventivi.
Siamo sempre più convinti che questo sistema malato targato Manca e PD con al seguito tutte le loro liste civetta che cambiano continuamente nome, in tutti questi anni abbia creato un sistema opaco e viziato, dove gli unici penalizzati sono i cittadini imolesi e le aziende del loro territorio. Inoltre, per giustificare queste assurde scelte politiche, gli imolesi si vedono alzare le tasse comunali o ad esempio proprio le tariffe dei parcheggi.
Come Movimento 5 Stelle ricordiamo che abbiamo depositato alle autorità giudiziarie vari esposti che riguardano proprio queste problematiche e sollecitiamo urgentemente l’intervento delle autorità competenti per far luce su questo sistema che va avanti da troppi anni avallato dal PD e da tutte quelle liste politiche sedute in Consiglio Comunale da anni e che mai nulla hanno detto o fatto a riguardo.

CONTRATTI AFFITTO SEDE CON.AMI

MANCA TRASPARENZA IN AREA BLU: IL MOVIMENTO 5 STELLE PRESENTA UN ESPOSTO CONTRO IL PRESIDENTE VANNI BERTOZZI

Movimentio 5 Stelle Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *