Il TAR ha bloccato la sopraelevazione della discarica Tre Monti !!!

Spread the love

Dopo che Manca e il PD tutto ha fatto la campagna delle amministrative 2013 senza scrivere vigliaccamente una sola parola sulla loro volontà di ampliare la discarica di Pediano, oggi i cittadini si prendono una clamorosa rivincita con la sentenza del TAR 184/2017 che di fatto blocca la sopraelevazione dell’impianto e prevedibilmente mette una pesantissima ipoteca su eventuali ulteriori ampliamenti.

Sull’argomento invece il M5S ha sempre avuto una posizione assolutamente chiara e un impegno politico e anche economico assolutamente rilevanti fin dal principio: chiusura e bonifica di un sito che era tra le discariche più anziane di tutta la penisola e avvio di un sistema di raccolta porta a porta sull’esempio di consorzi pubblici virtuosi e capaci di funzionare alla faccia di un sindaco che invece senza vergogna su un giornale locale il 6 dicembre 2015 riuscì a raccontare la balla clamorosa che sempre queste aziende “dopo 5/6 anni falliscono”.

Schiaffo sonoro anche per l’assessore Tronconi che con questo pronunciamento dimostra ancora una volta di essere come il suo Sindaco un uomo pronto a sfidare la legge e perdere pur di dimostrare la sua cieca fedeltà a un sistema che sempre di più si dimostra completamente sordo alle più che fondate pretese dei cittadini nonchè di una opacità che ormai ha superato ampiamente il livello di guardia.

Dato che Manca è pressochè certo che verrà candidato per entrare alla Camera dei Deputati e l’assessore Tronconi sembra in pole position per diventare il prossimo candidato sindaco tra le fila del PD, è evidente che le sventure giudiziarie, che in questo caso hanno evidenti quanto pesanti risvolti politici, nel PD fanno curriculum per pretendere significativi avanzamenti di carriera.

Silvia Piccinini, consigliera regionale del MoVimento 5 Stelle, commenta la notizia del pronunciamento del TAR che ha annullato la delibera regionale che a fine 2016 aveva autorizzato la sopraelevazione della discarica Tre Monti di Imola.

“La sentenza del TAR sulla discarica di Imola è l’ennesima bocciatura della politica portata avanti da Bonaccini e dalla sua Giunta sul tema dei rifiuti e che finalmente smaschera le bugie portante avanti in questi anni sulla chiusura degli inceneritori e la diminuzione dei conferimenti in discarica visto che a Imola hanno fatto di tutto per realizzarne un’altra anche andando contro ciò che stabilisce la legge”. È questo il commento di Silvia Piccinini, consigliera regionale del MoVimento 5 Stelle, riguardo alla notizia del pronunciamento del TAR che ha annullato la delibera regionale che a fine 2016 aveva autorizzato la sopraelevazione della discarica Tre Monti di Imola. “Altro che Regione virtuosa e autosufficiente – aggiunge Silvia Piccinini – la sentenza del TAR fornisce un’immagine della politica sui rifiuti portata avanti dal duo Bonaccini-Gazzolo finalmente corrispondente alla realtà, fatta di inceneritori mai spenti e di discariche costruite senza rispettare il necessario iter normativo. Una situazione che su Imola noi del MoVimento 5 Stelle, assieme ai comitati dei cittadini, denunciamo da tempo ma che interessa anche altre realtà come per esempio le discariche di Baricella e Castel Maggiore. In tutti questi i casi – conclude Silvia Piccinini – è evidente come pur di fare dei favori agli amici delle multiutilities la Regione si avventuri in esercizi di legislazione creativa, come dimostra l’idea dello stralcio della parte in ampliamento del progetto della Tre Monti ed insista laddove ci sia stata una discarica ad ampliarla all’infinito. Per fortuna ci hanno pensato i cittadini e adesso il TAR a mettere finalmente fine a questa vergognosa vicenda”.

http://ww2.gazzettaamministrativa.it/opencms/opencms/_gazzetta_amministrativa/_monopoli_di_stato/archivio_sentenze_ordinanze_tar_new.html

Sentenza TAR n.16 del 2018

Movimento 5 Stelle Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *