UN SISTEMA SANITARIO CHE NON E’ CAPACE DI SISTEMARE UNA CALDAIA HA POCO FUTURO

Spread the love

Passano gli anni, arrivano nuovi dirigenti ma la musica rimane sempre la stessa.

Sono passati esattamente 2 anni dalla denuncia del M5S IMOLA che, grazie ad una segnalazione portata vanti da alcune neo mamme, portava a conoscenza di una anomalia tecnica straordinaria all’interno del plesso ospedaliero cittadino già datata 2013. Il malfunzionamento di una caldaia costringeva allo sperpero di acqua pubblica (almeno 5 minuti di liquido corrente) per l’ottenimento della temperatura corretta per il lavaggio del neonato all’interno del reparto di ginecologia e ostetricia del menzionato ospedale S.Maria della Scaletta. Era il 2015, ad oggi ancora nulla è cambiato.

Il calcolo è fin troppo semplice. Annualmente a Imola vengono alla luce oltre 500 bambini, mediamente ogni neonato viene lavato giornalmente almeno 5 volte. Se per ottenere la temperatura ottimale dell’acqua per lavare il bambino occorrono almeno 5 minuti di attesa a rubinetto aperto e moltiplichiamo il tutto per 5 anni (non più per 3 anni, data delle prima segnalazione) perchè ad oggi ancora il cartello di avviso campeggia nei pressi dei lavatoi e la manutenzione necessaria è in stand by…quanti litri di acqua inutilmente sono stati erogati in tutti questi anni? Per quale motivo ancora non si è provveduto a sistemare questo problema datato 2013?

In collaborazione con la nostra consigliera regionale M5S Silvia Piccinini abbiamo depositato un’interrogazione in Regione per chiedere chiarimenti a tal proposito e che si avvi nel più breve tempo possibile il processo di sistemazione della caldaia.

Quanto da noi denunciato è un chiaro esempio del poco rispetto, da parte di chi amministra la sanità pubblica regionale, nei confronti dei cittadini che pagano le tasse e si scontrano con disservizi ed inutili costi. Un paradossale caricamento di oneri che gravano sui bilanci della sanità pubblica, ergo nelle nostre/vostre tasche, giustificando irrazionali progetti di fusione sanitaria nel quale il nostro Comune si vedrebbe ancor più messo in un angolo rispetto all’epicentro Bologna.

Movimento 5 Stelle Imola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *